Ottenere e gestire mutui e prestiti.

  • prestito personale
  • affidamento in conto corrente
  • mutuo
  • fido di carta di credito

Piccola guida di buon senso per ottenere e gestire mutui e prestiti.

Per capire come ottenere e gestire mutui e prestiti dobbiamo prima descrivere gli strumenti a disposizione. Partiamo dal prestito più famoso, il MUTUO, il mutuo si utilizza per comprare casa o per ristrutturarla, ma vi siete mai chiesti il perché? Se sono facoltoso e mi danno un affidamento in conto corrente di 300.000 Euro anche con quei soldi mi posso comprare casa. Ma sarebbe una mossa tecnicamente sbagliata poiché mi troverei a dover restituire quel prestito entro un anno.

Il Mutuo

Il Mutuo è un prestito che si restituisce in un lungo periodo di tempo e si usa per comprare “cose” che durano tanto, comprare una casa con un mutuo sembra scontato, ma ho conosciuto persone nella mia vita a cui sono stati concessi prestiti di grosse cifre, come affidamenti in conto corrente e che li hanno usati per acquistare appartamenti. Quella scelta è stata molto infelice per loro poiché ogni strumento, mi riferisco al tipo di prestito, e in questo caso all’affidamento in conto corrente, è fatto e confezionato solo per alcuni tipi di acquisti. Nel nostro caso, l’affidamento di solito dura un anno, rinnovabile anno per anno con tasso percentuale che è del triplo o addirittura del quadruplo di quello del mutuo.

In conclusione

Se si usa un affidamento per acquistare casa si finisce nei guai perché di regola dovrebbe essere restituito entro l’anno e perchè il tasso di interesse sarebbe molto, troppo alto.

L’affidamento in conto corrente.

L’affidamento in conto corrente di solito è uno strumento che le aziende usano per acquistare merci, prodotti a veloce ciclo di utilizzo in modo da realizzare l’acquisto e la vendita entro l’anno per avere la liquidità necessaria per restituire il prestito.

Il prestito personale, durata del rimborso del prestito e godimento dei beni acquistati.

Il prestito personale è di solito concesso alle persone fisiche per acquisire beni al consumo e servizi, come regola si può usare per qualsiasi cosa ma se ci si pensa sarebbe non saggio usare un prestito personale per pagare una cena, questo perchè vale la regola dei benefici che si ottengono dall’utilizzo del prestito rispetto al tempo che impiego a restituirlo, ad esempio pensate di ricevere 30 mila euro e di usarli per la suite imperiale all’hotel 7 stelle con cena e bottiglia di champagne. Probabilmente quella serata sarebbe fantastica ma, ipotizziamo di impiegare 5 anni alla restituzione dei soldi, la soddisfazione di un giorno non varrebbe 60 rate da 700 euro da pagare tutti i mesi, sarebbe più logico utilizzare quel denaro per qualcosa che ci da soddisfazioni durante tutti e 5 gli anni come ad esempio un automobile o del mobilio nuovo.

Fido carta di credito.

Il fido della carta di credito deve essere restituito il mese successivo a quello in cui si effettua la spesa, la regola vorrebbe che il fido fosse proporzionale allo stipendio, agli altri debiti e ai componenti del nucleo familiare, nonché al fatto di essere in affitto oppure di avere una casa di proprietà. E’ certo che avere un fido sulla carta di 1500 euro e uno stipendio di pari importo potrebbe portare a grossi guai, specialmente se si hanno ulteriori rate e spese da pagare.

I passi per ottenere e gestire mutui e prestiti in 3 anni.

Ipotizziamo di voler prendere un muto tra 3 anni di 100 mila euro.Cosa è meglio fare in questi tre anni? Per prima cosa bisogna trovare un lavoro stabile con contratto a tempo indeterminato. Aprire un conto corrente e far versare lo stipendio sul conto. Questo è necessario poiché bisogna avere una storia bancaria. Già dal primo stipendio bisogna cominciare ad accumulare una quota di denaro. Su 100 mila euro bisognerebbe avere 20 mila euro in contanti (20%), per dare l’anticipo. Quindi bisogna accantonare sul conto senza toccarli almeno 6700 euro l’anno. Meglio ancora se ci si fa aprire un conto collegato al primo dove i soldi non si possono toccare. Bisogna quindi risparmiare 560 euro al mese.

Passati 5 o 6 mesi……

Dopo i primi 5/6 mesi bisognerebbe chiedere la carta di credito. La carta non deve essere usata per spendere tutti i soldi, ma per fare qualche acquisto in modo da aumentare la propria fiducia bancaria. Messi da parte i primi 7000 euro, quindi dopo circa un anno, dovreste chiedere il primo prestito personale. Prenderei circa 2000/3000 euro da restituire a rate prima della richiesta del mutuo. In questo modo avrete una storia bancaria, uno storico di prestiti, ricordatevi di pagare tutte le rate puntuali, e anche un anticipo del 20%.

Conclusione

Questo semplice articolo vi vuole quindi ricordare di non impegnare troppo denaro rispetto alle proprie entrate. Soprattutto, e questo non è scontato, comprate cose, con i soldi in prestito, che esauriscono il loro ciclo di vita dopo l’ultima rata del prestito; altrimenti non sarete mai soddisfatti. Inoltre non usate strumenti sbagliati per acquisire prodotti sbagliati, un appartamento non si compra con il fido della carta di credito. Ottenere e gestire mutui e prestiti e molto semplice se si conoscono gli strumenti a disposizione.

Vi potrebbe interessare un articolo su INSTAGRAM o la nostra pagina FACEBOOK.